martedì 21 giugno 2022

BLOG NEWS 31/5 - 13/6

                                                                         Martedì 31

Oggi la giornata è cominciata “malamente”. Ieri ci sono stati degli episodi che hanno fatto sì che siano avvenuti dei disguidi con gli agenti di Polizia e le Dottoresse non ne sono rimaste felici. Al gruppo di motivazione alla cura ci hanno dimostrato il loro disappunto con il silenzio, che è stato seguito dal nostro di silenzio, questa volta colpevole. A parer mio è stata una dimostrazione assoluta d’amore. Quel silenzio raccontava quanto ci vogliono bene, quanto tengano a noi e questo, nonostante la nostra condizione di difetto, mi ha commosso. Grazie.



Mercoledì 1

Rieccoci qui … devo scusarmi per il lungo spazio vuoto ma non avevo capito che avrei preso il posto di Marcello … ma partiamo dal principio: il nostro amico Marcello Perrone è stato trasferito ad Opera, una partenza quasi prevista. Mi diceva sempre “Roger, quando me ne andrò, prenderai tu il mio posto! Mi raccomando, sai che ci tengo al Blog.” . A proposito, mi chiamo Roger Mazzaro e sostituirò il grande Marcy sperando di essere all’altezza ma, come avrete capito, non sono un tipo troppo perspicace e fino a che  le cose non mi si ribadiscono … non ci arrivo ;). Auguriamo buona fortuna a Marcello.

 

Comunque oggi c’è stato il gruppo dell’Oblò e, anche se ci regala sempre forti emozioni, questa volta è stato un po’ … anomalo. Nella seconda parte non era presente la nostra amata Dottoressa Laura Formigoni che, volontariamente, ha deciso di non assistere in quanto ancora molto arrabbiata con noi. Laura ci sei mancata e l’Oblò senza di te ha assunto un’atmosfera diversa … noi promettiamo di fare i bravi ma tu non farci più un così brutto scherzo ;) 


 

                                                                        Martedì 7 

Comincio subito col dire che l’aria in sezione si sta normalizzando e che le Dottoresse sono tornate a regalarci i loro sorrisi, anche se in cuor loro non hanno mai smesso di farlo.

Oggi c’è stato il primo incontro con il Maestro Mussida che, in collaborazione con la Dottoressa Matilde Corti, ha iniziato questa serie di incontri che ha come fine quello di selezionare una vera e propria Play-list musicale che verrà diffusa in alcuni reparti dell’istituto, il progetto CO2. Oltre ad essere stato un incontro interessante è anche stato un momento di socialità divertente e costruttivo. Abbiamo scoperto come la musica faccia parte del nostro quotidiano, ma forse, inconsciamente, già lo sapevamo. Non si parla di canzoni ma di come la musica, i suoni, possano suscitare emozioni diverse in ognuno di noi. Il maestro è veramente in gamba e ha trovato un gruppo attento e partecipe, rapito dalla sua voce, appunto un suono. Aspetto con ansia, buona, il prossimo incontro.


                                                                       Giovedì 9

Oggi è giovedì e come appuntamento da calendario abbiamo avuto il gruppo “Educazione alla salute” che ha visto come ospiti i nostri amici nella N.A., Narcotici Anonimi che, come sempre, ci hanno regalato forti emozioni. E’ confortante sentire dalle loro esperienze, che raccontano di anni di sobrietà, come sia possibile trovare le motivazioni per farcela. Tutti noi ce la possiamo fare e non dobbiamo vivere una ricaduta come un azzeramento di tutti i passi compiuti, ma come una ripartenza. Non dobbiamo cadere nell’infido gioco della vergogna. Quando si ha una ricaduta, si fa fatica a chiedere nuovamente aiuto un po’ per vergogna e un po’ per un senso di sconfitta e questo ci porta alla devastazione psico-fisica più totale. Bisogna credere in chi ci tende la mano ed imparare a fidarsi nonostante la vita condotta ci porta ad essere diffidenti. Qui abbiamo le armi, sta a noi impugnarle e iniziare a combattere,  poi ci può stare anche una ricaduta ma la vera forza sta nel provare a rialzarsi e volerlo. Oggi mi ha galvanizzato parecchio l’incontro e spero, quando sarò fuori e verrò messo alla prova, di avere il coraggio e la volontà di alzare quella cornetta.

Per il resto in sezione sta tornando la quiete e le Dottoresse sono tornate a splendere per noi.



                                                           Lunedì 13 

Eccoci qui! L’atmosfera sembrava più distesa ma a volte quando vivi in uno stato di accantonamento rispetto ai sentimenti di chi ti sta vicino e non ti fai coinvolgere dalla quotidianità non ti accorgi di ciò che ti accade intorno. Purtroppo in questa mia seconda salita qui alla “Nave” sto facendo fatica a farmi assorbire dallo spirito del gruppo; partecipo, intervengo … ma sempre mantenendo una certa individualità che non mi permette di condividere gli stati d’animo. Le Dottoresse, sono tornate, sì, a sorriderci col cuore, ma non nascondono una certa perplessità riguardo alle dinamiche che si stanno sviluppand . Il nostro non è menefreghismo o mancanza di riconoscenza ma piuttosto un senso di superficialità dovuta, forse, allo stato di abitudine nel quale si rischia spesso di cadere. Forse parlo solo per me ma, a volte, quando ti sembra di fare abbastanza seguendo semplicemente le regole non ti rendi conto di quanto questo non sia sufficiente. 

 


 

 

 

 

 

 

 


  

 

 

 

 

 

 

 

lunedì 13 giugno 2022

BLOG NEWS 2/5 - 5/5

                                                                      

                                                                           Lunedì 2

Oggi c’è stato l’incontro con L’Onorevole Mirabelli del PD, che ci ha ragguagliato sugli sviluppi dei lavori riguardo alle nuove proposte inerenti la riforma della giustizia. Abbiamo appreso, con grande gioia, che il diritto alle telefonate quotidiane è stato prorogato fino al dicembre 2022, con la prospettiva di renderle permanenti. Un altro punto che ha voluto affrontare insieme a noi è stato quello della concessione della liberazione anticipata che verrebbe, secondo la proposta, allargata a 75 giorni semestrali. Tutti noi marinai speriamo che queste proposte vengano accolte e che i lavori delle Camere procedano in questa direzione.

Martedì 3

Oggi con immensa gioia dei marinai partecipanti, è ripreso, dopo un martedì di sosta, il gruppo “Riscatti” con i fotografi volontari, che seguono il progetto che vede alcuni di noi impegnati nella realizzazione di un servizio tramite la produzione di foto scattate in giro per il reparto.

 

Mercoledì 4

Ed eccoci arrivati al mercoledì dell’Oblò che ci regala sempre forti emozioni e momenti di riflessione. Oggi in particolare abbiamo avuto modo di ascoltare gli articoli scritti dal Luca Ientile che ci ha donato con molta generosità un sentito racconto del suo trascorso di vita accolto con molta emozione e l’articolo scritto dalla nostra Dott.ssa Laura Formigoni che ci ha dato modo, attraversando gli stati emotivi della sua infanzia, di conoscerla meglio e per questo la ringraziamo anche per le suggestioni che ci ha regalato.

 

Giovedì 5

Come ogni giovedì c’è stato il gruppo di “educazione alla salute” dove abbiamo approfondito il tema sulla dipendenza e commissione dei reati dove ognuno di noi ha avuto modo di soffermarsi a pensare sulla propria predisposizione o inclinazione a commettere reati, piuttosto che ad usare sostanze e, come sempre, c’è stata molta partecipazione ed interesse. Da ricordare anche il festeggiamento del 40esimo compleanno del nostro amico Gianluca che si è emozionato quando Antonio, detto Pupino, ha letto all’apertura due 

righe dedicate a lui.

  

 

 

 

 

 

 

 

 


BLOG NEWS 25/4 - 28/04

 



Lunedì 25

Oggi è lunedì 25 ed è la festa della liberazione dell’Italia dai fascisti. E’ stata una giornata molto sentita da tutti ed è stato un momento di fratellanza nel segno dell’unione contro i soprusi.

 

Mercoledì 27

Come ogni mercoledì è giornata di Oblò dove sono stati letti molti articoli ma quello che ci ha maggiormente colpito è stato quello scritto da Edoardo Carnicella che ha trattato il tema “da dove vengo e dove voglio andare”. Edoardo ci ha raccontato parte del suo vissuto, spiegando come, dopo un’infanzia serena è stato attratto dal mondo dell’illegalità e, quindi ritrovandosi a rincorrere falsi miti e deviando la sua rotta fino ad allora diretta verso la legalità. L’illusione di una vita facile, senza sacrifici che l’ha portato inesorabilmente a ritrovarsi detenuto. Nel finale del suo scritto ci lascia con uno spiraglio di speranze e consapevolezza rispetto ad un suo cambiamento fatto di coscienza ed una prospettiva di vita gratificante nella legalità.

 

 

 

 

 

Giovedì  28

Oggi all’apertura aleggiava un’aria di attesa perché si aspettava la “chiamata” per il nostro compagno Alessandro che proseguirà il suo percorso nella Comunità “Il Gabbiano”. Siamo tutti felici per lui perché si è dimostrato un uomo leale, buono e disponibile. Io sono Marcello Perrone ed insieme a Pasquale La Palombella, Stefano Ciannella fa un grosso in bocca al lupo ad Ale e lo ringrazia per la positività che ci ha trasmesso.

N.B. Pasquale La Palombella tiene a sottolineare l’importanza di questo distacco da un’amicizia basata sulla fratellanza scambiando un gesto d’affetto atteso da 33 lunghi anni che ha commosso tutti noi.

Oggi è anche la giornata in cui ci viene a trovare l’Associazione dei “Giocatori Anonimi”. Come sempre ci hanno regalato forti emozioni raccontandoci del loro trascorso anche da parte di chi ha un parente afflitto da tale dipendenza. E’ stato utile per farci render conto di quanto sia distruggente, per se stessi e per chi ci sta accanto, essere schiavi di una dipendenza, qualsiasi essa sia e di quanto sia importante chiedere aiuto. 

Ringraziamo l’Associazione per averci dedicato il loro tempo e per quello che fanno nel mondo.

 

mercoledì 4 maggio 2022

BLOG NEWS 11/4 - 17/4

                                                                     

                                                                           Lunedì

 

Oggi, qui al reparto “La Nave”, dopo la consueta apertura e lettura del “diario di bordo”, c’è stato l’incontro con il dott. Gherardo Colombo, con il quale trascorriamo, sempre piacevolmente, un paio d’ore spaziando tra vari argomenti.  Questa volta abbiamo approfondito il discorso sulla capacità e difficoltà nel prendere decisioni. Rimaniamo sempre colpiti dalla sua umanità e abilità nell’ interagire con noi in perfetto “stile nave”. Si è aperto regalandoci un suo spaccato di vita, durante il quale ci ha confidato che anche per lui non è mai stato semplice fare delle scelte. 

E’ sempre molto interessante e costruttiva l’aria che si crea in questo scambio d’opinioni. 

E’ sempre il benvenuto.

Mercoledì

Come ogni mercoledì, oggi è giornata di Oblò con i giornalisti volontari, che ci seguono da anni e ci donano la loro presenza ascoltando i nostri scritti e tuffandosi con noi in uno scambio di opinioni e approfondimento, sempre molto costruttivi. E’ il nostro modo per conoscerci, sia interiormente, per chi scrive, ma anche per chi ascolta gli scritti dei compagni. Oggi in particolare ha colpito l’articolo scritto da Jalel Ben Hadda sul tema “Da dove vengo e dove voglio arrivare" e lo ringraziamo per aver condiviso con noi il suo vissuto.


Venerdì

 

Oggi, all’ora della chiusura, con le dottoresse ci siamo scambiati gli auguri di Pasqua e abbiamo imbandito dei tavoli con bibite e colombe. Questi sono i piccoli momenti che ci aiutano a consolidare il gruppo e che ognuno di noi porterà nel cuore.

 

Domenica

E’ arrivata anche questa Pasqua e ci siamo contraddistinti per la nostra capacità di socializzare e di contenerci. E’ passata all’insegna del cibo, e dell’ unione. Ognuno si è organizzato a proprio modo, e in fratellanza, uniti anche ai nostri amici che rispettano il Ramadan. Ci sono mancate le dottoresse ma le sentivamo vicine.

Auguri a tutti.

BLOG NEWS 4/04 - 10/4

                                                                         Mercoledì

Qui al reparto ”La Nave”, la mattinata è dedicata alla lettura degli articoli scritti dai “marinai”, con la presenza dei giornalisti volontari, che da anni dedicano il loro tempo ad aiutarci ad elaborare i nostri scritti e per questo gli siamo riconoscenti.

Anche oggi abbiamo approfondito diversi temi con grande partecipazione di tutto il gruppo; uno scritto ci ha colpito particolarmente, quello di Baudo Maxime, uno dei ragazzi più giovani presenti qui in reparto, scritto con cura e colmo di contenuti. Lo abbiamo ringraziato per aver condiviso con noi le sue emozioni.

 

Giovedì

La giornata comincia con una gradita novità, sono venuti a trovarci tre volontari, due professori di architettura del Politecnico di Milano e il responsabile di un importante Museo. Sono venuti a proporci un progetto già sperimentato negli istituti di Bollate e Beccaria; consiste in un programma di studio e sviluppo della fotografia per la durata di due mesi, ad ogni partecipante verrà affidata una macchina fotografica con la quale si potrà documentare la vita all’interno dell’istituto.



Sabato

Oggi c’è stato un intenso momento di riflessione sulla difficile e delicata situazione che sta vivendo il popolo Ucraino. Si è arrivati, di comune accordo, alla conclusione di aiutare i bambini travolti dalla guerra, con una piccola donazione, tramite un’associazione no-profit, con la speranza di alleviare il loro dolore. Abbiamo trovato il pieno appoggio dell’Ispettrice di reparto e speriamo che questo sia solo un momento destinato a finire presto perché le guerre non portano altro che sofferenza. 

 

 

 

 

 

 

venerdì 1 aprile 2022

BLOG NEWS 21/3 - 27/03

                                                                             Lunedì

Comincia una nuova settimana che parte con un incontro molto importante per tutti noi, infatti abbiamo avuto l’ onore e il piacere di aver qui con noi, un illustre ex magistrato, Gherardo Colombo, che con il suo prezioso lavoro negli Anni 90, ha segnato e riscritto la storia della magistratura italiana.

Tutto il gruppo ascolta le sue parole e pone molte domande al magistrato, che non esita nel rispondere a tutti i nostri quesiti, illustrandoci la sua visione della legalità con la massima umiltà. Per tutto il gruppo è stato un momento molto importante e formativo.

 

 

Mercoledì

Come ogni mercoledì, qui alla Nave è giornata di Oblò con la presenza dei volontari giornalisti. il gruppo è al completo e molto partecipe con molti scritti. Ne sono stati letti e commentati tanti, uno in particolare ha commosso e coinvolto tutto il gruppo , quello di Pasquale La Palombella che scrive sulla cosa più bella che ha fatto, narrando la sua storia familiare molto bella e toccante; tutti noi lo ringraziamo per aver condiviso con noi la sua storia.

C’è stata anche una bella iniziativa partita da uno dei marinai più anziani , Stefano Ciannella che espone la sua iniziativa di donazione devote ai bambini ucraini in difficoltà per via della Guerra , una stupenda iniziativa che viene accolta con grande empatia da tutto il raggio; tutti noi speriamo che questo momento di dolore e sofferenza possa finire presto.

 

 

 

Giovedì

Dopo la classica apertura e lettura del diario tutti noi marinai svolgiamo la attività relativa all' educazione alla salute, gruppo condotto dalle dottoresse Olga Picozzi e Barbara Moretti.

Quest’ultima per la Nave è una grande risorsa infatti oltre a essere molto riconosciuta e rinomata nel suo campo, mette a disposizione di ognuno di noi le sue competenze per capire al meglio le nostre situazioni giuridiche, il che, per noi, rappresenta una grande risorsa.

Durante l’attività trattiamo il tema della subcultura carceraria: molto interessante sentire le opinioni di tutti riguardante questa tematica.

 

 

Venerdì

Oggi, qui alla Nave,  partiamo con una riunione di reparto alla quale siamo presenti noi marinai e le dottoresse. Parliamo dele varie dinamiche che avvengono qui in reparto. Sempre costruttivo parlare e confrontarsi insieme. La giornata prosegue poi con l’ accoglienza molto coinvolgente ad Andras Firulov, che ci narra la sua storia. E' molto interessante ascoltare le storie altrui. Lo ringraziamo per aver condiviso con noi la sua vicenda e tutti insieme gli diamo il benvenuto.

 

 

BLOG NEWS 14/03 - 20/03

 

                     Mercoledì

Oggi ci ha risvegliati il suono delle chiavi degli appuntati che alle ore 8:00 hanno aperto le celle di tre nostri compagni, per il loro trasferimento al carcere di Opera .

Un giorno triste in reparto sia per le dottoresse che per noi, perchè Vincenzo La Dogana, Giuseppe Craca e Brahim Aouam erano da molto tempo alla Nave, insieme abbiamo condiviso molti bei momenti  e ci siamo dati forza uno con l’ altro.  Che dirvi compagni, vi auguriamo che questo percorso possa farvi continuare la carcerazione nel migliore dei modi e grazie di tutto. 

Oggi, come ogni mercoledì, alla Nave si svolge l’attività dell’ Oblò, dove tutti possono scrivere sui vari 

argomenti proposti di volta in volta.

Uno degli argomenti questa  settimana era scrivere  sul giorno più bello della propria vita, uno che si ricordi con particolare affetto e piacere. Ci ha molto colpito il testo scritto da Stefano Ciannella, che ha raccontato di quanto sia stato gratificante per lui dare un lavoro ad un cugino di un amico quando era capo di una azienda di trasporti.  È stato bello constatare quanto bene fa fare del bene.

Venerdì

La giornata  di venerdì è stata dedicata all’ accoglienza dei due nuovi arrivati Pasquale La Palombella e Leonardo Russo, quest’ ultimo ad oggi il più giovane del reparto: appena 19 anni.  Per Pasquale invece, non è la prima volta in carcere ed è stato in questo reparto anni fa, motivo per cui potrà dare, nei giorni  a venire, un contributo importante a chi già è qui ma soprattutto ai nuovi arrivati, non a caso è stato inserito di comune d’ accordo con l’ equipe, nella cella con i ragazzi giovani, a cui potrà dare consigli per affrontare al meglio il contesto complicato in cui si trovano.

domenica 20 marzo 2022

BLOG NEWS 7/3 - 13/3

 Lunedì

La settimana parte con la classica apertura con la lettura del diario scritto da Emanuele Crea , si procede con il gruppo Educazione alla Legalità condotto dalle dottoresse Corti e Picozzi , gruppo pieno di passione, nel quale ognuno di noi ha messo a confronto i propri anni con le rispettive carcerazioni.

Da qui sono usciti grandi spunti sia di riflessione che di confronto, inoltre in prima mattinata, arriva la attesa scarcerazione per Giuseppe Ferma.

 

Mercoledì

Come ogni mercoledì ci ritroviamo per leggere i nostri scritti per l’ oblò alla presenza dei giornalisti volontari.

Un momento sempre molto toccante perché ognuno di noi ha modo di scoprire sempre più a fondo i nostri compagni di viaggio.

Ci sono stati tanti scritti, tante storie diverse. Una in particolare ci ha colpito, quella del nostro compagno Rodrigo, che ci ha spiegato il suo concetto di confine, uno scritto trasparente, pieno degli eventi che hanno caratterizzato la sua vita, che ha permesso a noi di conoscerlo meglio.

 

 

Venerdì

L’accoglienza oggi è stata particolare e molto coinvolgente perché si è fatto qualcosa di diverso: le dottoresse Vismara e Picozzi hanno fatto parlare Marcello Perrone sul suo percorso fatto qui alla Nave e durato 18  mesi.

Marcello è per tutti noi un punto di riferimento perché è molto solare ed intelligente, ci ha raccontato in breve la sua storia partendo dall’infanzia e siamo rimasti molto colpiti dalle sue esperienze.

Io Ilyass Rissaoui ringrazio Marcello per il sostegno che mi dà ogni giorno in questa disavventura, chiudo questo venerdì dicendo che sono felice per aver conosciuto una persona come lui.

 

 

Sabato

Qui alla Nave, il sabato è una giornata molto particolare. Da due settimane, infatti, abbiamo ripreso, grazie agli allenatori volontari, il rugby , attività molto bella che ci permette di fare sport e, perché no, anche di sfogarci, si prosegue con una partita di calcio che vede partecipi molti di noi, con tanto agonismo ma soprattutto molta sportività.

BLOG NEWS 28/2 - 6/3

 Lunedì

La settimana parte con l’apertura dove sono presenti tutti i marinai, proseguiamo la giornata con il corso Educazione alla Legalità, condotto dalla dottoressa Corti, assistente sociale che da anni dedica tempo e passione al reparto.

Questa attività oltre che essere molto interessante per noi è molto costruttiva, c’è grande partecipazione a questo gruppo, un momento dove ogni singolo marinaio si confronta con il suo passato e si cerca di capire tutti insieme cosa ci ha portato a finire nell’illegalità.

 

 

 

Martedì

La giornata inizia con la consueta apertura , le dottoresse Olga Picozzi e Matilde Corti conducono il gruppo Motivazione alla Cura , un’attività indispensabile a cui tutti partecipano con grande interesse.

Cerchiamo insieme a loro di capire i vari ruoli di tutta l’equipe e riflettiamo attraverso un confronto con le dottoresse.

 

 

Mercoledì

Come ogni mercoledì ci dedichiamo alla lettura degli articoli scritti per l’ oblò e come sempre alla presenza delle dottoresse e dei giornalisti.

Si decide di leggere gli articoli scritti riguardanti la guerra tra Russia e Ucraina, i migliori a nostro avviso sono quelli di Ben Hadda Jalal e di Pastori Andrea , nei quali esprimono le loro opinioni a riguardo , si continua a parlarne con grande partecipazione e dispiacere; concludiamo con la convinzione che la guerra è sofferenza.

 

 

Giovedì

La mattinata inizia con una grande novità , le dottoresse ci comunicano che oggi saremo presenti delle persone esterne, volontari che già lavorano nel reparto Penale a vedere come si svolgono le giornate qui alla Nave, notizia che crea molta emozione a tutto il gruppo.

Durante la lettura del diario quotidiano il nostro compagno Kenan esprime la sua preoccupazione per il popolo ucraino e per quelli che stanno passando le persone a lui care.

Questo momento è stato molto commovente e tutto il gruppo ha dimostrato la sua vicinanza e la sua solidarietà cercando di trasmettergliela.

 

 

Venerdì

Il venerdì inizia con l’accoglienza di due nuovi marinai Alessandro e Maxim, due ragazzi molto giovani alla loro prima carcerazione. Vengono accolti dal nostro compagno Stefano Ciannella, il marinaio che è qui da più tempo.

Con la sua esperienza riesce a metterli a proprio agio e  iniziano  a raccontare un po’ della loro vita, due storie molto toccanti, parlano dei loro problemi con le sostanze e cosa li ha portati qui.

Molto curiosi e pieni di energia per affrontare questo percorso qui alla Nave; tutti noi gli auguriamo un grosso in bocca al lupo !

 

 

giovedì 3 marzo 2022

BLOG NEWS 14/02 - 20/02

Lunedì

All’apertura si respira buon umore, perché è una bella giornata soleggiata. Come ogni settimana dal lunedì al venerdì le dottoresse ci comunicano il da farsi e, se il caso, anche qualche novità.

Durante l’apertura accade qualcosa di insolito, l’ agente si avvicina a noi e chiama come liberante un nostro compagno, Luigi Ruggiero detto Gino. Lui si è commosso sfogando l’emozione dando un forte abbraccio alle dottoresse e a ognuno di noi e prima di andarsene ci ha letto una bellissima lettera con l’ augurio di libertà venuto dal profondo del suo cuore.

 

                                               Martedì

La giornata è cominciata come al solito alle ore 10:00 con la classica apertura, durante la quale abbiamo affrontato argomenti comportamentali che riguardano il nostro reparto. Nel pomeriggio le dottoresse hanno avuto una riunione in sede per aggiornare il programma, motivo per cui si sono assentate ed abbiamo organizzato in autogestione una giornata di pulizie generali che ha visto il contributo di tutti i marinai, tra chi ha pulito i muri del nostro corridoio, chi le vetrate e chi le salette.

Il risultato è stato subito visibile e credo che tutti ne siano rimasti soddisfatti.

La Nave, reparto creato con lo scopo di curare le dipendenze, svolto nel migliore dei modi, aiuta anche a prendersi cura di noi stessi e di ciò che ci circonda.

 

 

Mercoledì

La giornata inizia con l’ apertura alla quale sono presenti tutti i marinai e le dottoresse. Si prosegue con la lettura degli Oblò con la presenza dei giornalisti volontari che insieme a noi  hanno ascoltato e commentato gli articoli letti .

A tutti noi ha emozionato lo scritto di Andrea De Lucia.

Ci ha raccontato gli eventi traumatici che hanno devastato la sua adolescenza; in primis la perdita del padre, ammazzato quando Andrea aveva 12 anni, proprio quando avrebbe avuto bisogno di una figura  che lo guidasse.

Siamo rimasti colpiti dal fatto che Andrea, da una delle più brutte disgrazie che gli potevano capitare sia riuscito a trarne un punto di forza. 

Col passare degli anni tale fatto si è rivelato il fallimento più grosso. Oggi, a 42 anni, Andrea riconosce che il suo vero punto di partenza è quello di essere un padre migliore, che trasmette ai suoi figli i principi necessari ad affrontare un futuro migliore.

Giovedì

Oggi è un giorno importante, veniamo infatti a sapere che il nostro più vecchio marinaio, Azeddine, ha ricevuto esito positivo in Camera di Consiglio. Dopo due anni e mezzo di perseveranza e tenacia con  un percorso esemplare, ha avuto finalmente il lascia passare per proseguire il suo percorso fuori dal carcere.

Come ogni volta è emozionante vedere un nostro compagno lasciare questo posto, ancor più se sappiamo quanto ha lottato per riuscirci.

Ma non è stato l'unico! Mezz’ora dopo tocca a Christian, 19 anni da poco compiuti e a Federico.  L’ emozione travolge tutti, come è giusto che sia. Accompagniamo i nostri compagni liberati verso il cancello vivendo insieme la trepidazione e la via verso la libertà.

Torniamo nelle nostre celle emozionati e felici con un filo di malinconia per loro e con tanta speranza per noi, consapevoli che un giorno sarà il nostro turno.